Shadi Sadr arrestata da uomini in borghese venerdì 17 luglio

18 luglio 2009 at 16:02 (notizie in pillole) (, , , , , , , )

Shadi Sadr, avvocato e attivista per i diritti delle donne, è stata arrestata da uomini in borghese che l’hanno aggredita e costretta a salire in un’automobile mentre si recava alla preghira del venerdì presso l’università di Teheran, il 17 luglio.
Durante il sermone, tenuto da Hashemi Rafsanjani, si sono verificati scontri tra gli oppositori del governo e i basidji. Si parla di un centinaio di persone arrestate, tra cui religiosi ed ufficiali dell’esercito (qui, ma in farsi). Sono stati perfino lanciati gas lacrimogeni sulla folla dei fedeli.
Per la prima volta dall 1979 la televisione di stato non ha trasmesso la preghiera del venerdì di Tehran in diretta.

Shadi Sadr era già stata arrestata in seguito ad una manifestazione pacifica il 4 marzo 2007 e rilasciata 15 giorni dopo dietro cauzione. Trai i suoi clienti più “celebri” ricordiamo il drammatico caso di Nazanin Fatehi, allora sedicenne, condannata a morte per aver ucciso il suo aggressore nel tentativo di difendere se stessa e sua nipote. Oggi Nazanin è libera ma la sua situazione legale è ancora poco chiara.

Di Shadi Sadr non si hanno notizie, su Twitter gira voce che abbia telefonato al marito facendogli l’assurda richiesta di dirle il codice pin del suo cellulare…

[da Revolutionary Road e Ansa]

Liberi tutti subito!

Khamenei come Pinoche!

Evin come la Bastiglia…

Aggiornamento: la casa di Sadr è stata perquisita e le sue cose sequestrate secondo quanto dice il marito. Domani ci saranno le udienze di alcuni suoi clienti che saranno costretti a presentarsi senza avvocato.

Shadi Sadr con Nazanin in una delle udienze di Nazanin

Shadi e Nazanin durante una udienza

AGGIORNAMENTO 28/07: Shadi Sadr è stata rilasciata oggi dietro il pagamento di una cauzione di 50000$ (fonte : Iran Human Right )

Annunci

Permalink Lascia un commento

Un’altra volta: Free Kaveh!

10 luglio 2009 at 17:16 (notizie in pillole) (, , , , , , , )

Kaveh Mozafari, giornalista iraniano dissidente, attivista per i diritti dei lavoratori e della “One Million Signature Campaign” per l’abolizione delle leggi discriminatorie nei confronti delle donne, è stato arrestato ieri da uomini in borghese mentre tornava a casa con la suocera gravemente inferma, la sig. ra Bayat. I due stavano rincasando dopo aver tentato di raggiungere l’ospedale Mostafa Khomeini dove la signora Bayat avrebbe dovuto ricere cure mediche, poiché tutte le strade erano chiuse a causa delle manifestazioni del 9 Luglio. Bayat ha chiesto ripetutamente agli ufficiali di rilasciare Kaveh, ma non le è stata prestata attenzione. Gli uomini si sono limitati a dire “questa persona è Kaveh Mozaffari ed è stata identificata” e poi hanno fatto salire Kaveh su un vagone per il trasporto dei contestari fermati. Mentre lo portavano via hanno minacciato Bayat di arrestare anche lei.

Arrestato durante le proteste di piazza del primo maggio a Tehran, Kaveh Mozafari era stato rilasciato su cauzione appena due settimane fa, il 25 giugno, in seguito al pagamento di 50 milioni di toman (50,000 €).

[ da Change for Equality, Feministi School e Reporter Sans Frontieres Italia]

Facinoroso impenitente. Kaveh ha partecipato ad una campagna di sensibilizzazione contro la diffusione delHiv (2005). Il problema è grave inIran che anche le autorità hanno dovuto prenderne atto. Probabilmente si tratta ormai di una vera emergenza sanitaria nazionale... (Foto: Arash Ashoorinia Khosoof.com)

Facinoroso impenitente. Kaveh nel 2005 ha partecipato ad una campagna di sensibilizzazione e informazione contro la diffusione del'Hiv. Il problema è ormai talmente grave in Iran che anche le autorità hanno dovuto prenderne atto. Probabilmente si tratta ormai di una vera emergenza sanitaria nazionale... (Foto: Arash Ashoorinia - Khosoof.com)

AGGIORNAMENTO 4/08: per chi gliene fregasse qualcosa, ieri la famiglia di Kaveh ha potuto incontrarlo in carcere (fonte: un amico comune)

Permalink Lascia un commento

Oltre il conflitto tra laici e credenti…

7 giugno 2009 at 20:21 (notizie in pillole, pensieri personali) (, , , , )

Dunque in queste elezioni che hanno tutta l’aria di essere davvero “storiche” ci sono 4 candidati. Per la prima volta uno solo di loro è un componente del clero, insomma, uno col turbante.
E indovinate chi andranno i voti degli attivisti per i diritti umani, i voti dei laici impegnati, di tutti quelli che vorrebbero un cambio di regime radicale???

Permalink Lascia un commento